Gli ecoincentivi per le pompe di calore ad assorbimento

Eco-incentivi per le pompe di calore ad assorbimentoLe soluzioni di riscaldamento Robur con pompe di calore ad assorbimento consentono oggi di sfruttare al meglio gli eco-incentivi:

Leggi tutto “Gli ecoincentivi per le pompe di calore ad assorbimento”

La componentistica ISPESL

Componentistica ISPESLL’accoppiamento di più pompe di calore ad assorbimento a gas comporta la realizzazione di un impianto di riscaldamento oltre i 35 kW. In base a quanto prevede il Decreto Ministeriale 1.12 1975 e la Raccolta R dell’ISPESL, questo impianto è soggetto a controllo da parte dell’ISPESL, quindi va denunciato.

La particolarità di questo impianto, e la sua differenza rispetto ai tradizionali impianti di riscaldamento con caldaie, risiede nella componentistica di controllo e sicurezza da installare. In base a quanto stabilito dalla Raccolta R ed. 2009, cap. R.1.A p.to 3, essendo l’impianto di riscaldamento dell’acqua calda verso l’impianto costituito da un circuito secondario, su questo non è necessario installare tutti i dispositivi di controllo e sicurezza, ma solo dei sistemi di espansione del fluido.

Leggi tutto “La componentistica ISPESL”

Cumulabilità degli ecoincentivi

Cumulabilita degli eco-incentiviChi acquista una caldaia a condensazione o una pompa di calore che abbia i requisiti previsti dalla Finanziaria (spese di riqualificazione energetica) potrebbe anche beneficiare delle agevolazioni della Tremonti ter (decreto legge n.78/09 convertito con legge n.102/09)?

A questo quesito avrebbe dovuto rispondere la Circolare n.44/E dell’Agenzia delle Entrate, che invece è stata piuttosto vaga sul tema.
Infatti al punto 5 – Cumulabilità con altre agevolazioni – la Circolare precisa la NON cumulabilità delle spese sostenute per i commi 344 e 345 dell’articolo 1 della Finanziaria, lasciando intendere quindi che per gli altri due commi (347 e 348) la cumulabilità è ammessa.

Il futuro dei refrigeranti

Il futuro dei refrigerantiProprio in questi giorni si svolge il vertice di Copenaghen sui cambiamenti climatici.

Sul riscaldamento del globo certamente contribuiscono, anche se in minima parte, i refrigeranti sintetici, come gli HFC, utilizzati nelle refrigeratori e nelle pompe di calore a ciclo a compressione elettrico.

Da più parti sta emergendo la preoccupazione verso l’utilizzo di questi fluidi che hanno un elevato indice GWP (Global Warming Potential), cioè un forte contributo all’effetto serra.

Leggi tutto “Il futuro dei refrigeranti”