Energie rinnovabili: parliamone!

Pubblicato da il 12 Mar 2010 in ABC BLOG, Futuro HVAC | 5 commenti

Le energie rinnovabili sono sempre esistite solo che non hanno mai avuto la massa critica per diventare competitive con le energie fossili.

Questo è un problema di governi ma anche di opinione pubblica perché è l’opinione pubblica che costringe i governi a prendere coscienza che solo le energie rinnovabili possono sviluppare un’economia a beneficio di tutti, sia in termini economici che ambientali e quindi di qualità della vita.

Fino adesso le energie rinnovabili si sono mosse singolarmente: qualche governo, qualche produttore, qualche utilizzatore, si sono mossi in modo abbastanza individuale.

Per creare una “coscienza ecologica” bisogna muoversi in gruppo e in modo sinergico ma soprattutto essere ben documentati su ciò che c’è di veramente vero e utile e su ciò invece che è solo uno spot pubblicitario. Robur ha molto a cuore la diffusione dell’aspetto scientifico che può utilizzare in modo proficuo e razionale le energie rinnovabili.

Se ti sta a cuore diffondere una buona conoscenza delle tecnologie rinnovabili, la prima cosa che ti occorre è una buona documentazione seria e scientifica; la seconda cosa è parlarne, parlarne con competenza, con cognizione di causa e invitare, a tua volta, i tuoi uditori a parlarne fin quando si diffonde una seria ipotesi di energie rinnovabili.

5 Commenti

  1. Vendo campi eolici prodotti in Albania a costi decisamente competitivi con tecnologia italiana. Ben nota e’ la tua sensibilita’ alle formedi energia alternative “pulite”..Approfitto di questa mia per mandarti un abbraccio e chiederti se pensi possa essere considerabile una forma di collaborazione. A presto! Licia Pavesio

    • Ciao Licia, è con grande piacere che ricevo questo tuo messaggio.

      Benvenuta nel “club” di coloro che credono e investono in prodotti che rispettano l’ambiente.
      Il nostro impegno è stato, è e sarà sempre in questa direzione: parlare, parlare e ancora parlare di tecnologie già disponibili che aiutano ad abbattere i consumi energetici e che sono amiche dell’ambiente.

      Il problema, del quale ho anche parlato nel mio video, è che c’è tanta disinformazione e quella poca che c’è spesso è troppo generica e superficiale, a volte anche errata.

      Anche per questo motivo abbiamo creato questo blog e tante altre iniziative on-line e off-line per diffondere la sensibilità a questi temi e, perché no, la conoscenza di prodotti come i nostri che realizzano concretamente questa filosofia.

      Confido di averti al mio fianco in questa “crociata”.

  2. Ciao Benito,
    complimenti per la tua nuova, grande ed importante iniziativa.

    Premetto e concordo pienamente con te sul “problema” che:

    “c’è tanta disinformazione e quella poca che c’è spesso è troppo generica e superficiale, a volte anche errata (le energie rinnovabili si sono mosse singolarmente: qualche governo, qualche produttore, qualche utilizzatore”)”

    e sulla “possibile alternativa”:

    di “creare una “coscienza ecologica” bisogna muoversi in gruppo e in modo sinergico ma soprattutto essere ben documentati su ciò che c’è di veramente vero e utile e su ciò invece che è solo uno spot pubblicitario”.

    La domanda a questo punto viene spontanea:

    come fare ad informarsi in modo documentato, scientifico (e non “di parte”)?
    Esistono cioè, “fonti alternative ed attendibili” che ci puoi segnalare?

    Grazie. Un abbraccio,
    Mauro

    • Buongiorno Mauro,
      innanzitutto grazie per il tuo supporto.

      Per rispondere alla tua domanda: sicuramente è utile e doveroso iniziare a documentarsi presso enti e associazioni “super partes”.
      Le prime che posso citarti, ma c’è solo l’imbarazzo della scelta, sono:
      http://efficienzaenergetica.acs.enea.it/
      http://europa.eu/pol/ener/index_it.htm
      http://www.agenziacasaclima.it

      Sicuramente il passo successivo sarà quello, comunque, di approdare anche ai siti dei costruttori: una panoramica sulle tecnologie esistenti è doverosa! Maggiore attenzione, però, va data a coloro che hanno certificato i loro prodotti presso enti terzi; noi, ad esempio, abbiamo fatto certificare i nostri sistemi E3 presso DVGW (vedi la certificazione) e presso VDE (vedi la certificazione), due prestigiosi enti tedeschi.

      Questi che ho brevemente esposto sono solo spunti. Ad oggi internet ci permette di reperire informazioni con una facilità estrema; è sufficiente utilizzare parole chiave come “efficienza energetica” o “risparmio energetico” o ancora “utilizzo razionale dell’energia” in un qualsiasi motore di ricerca per sapere cos’è disponibile e migliore per salvaguardare le risorse del nostro pianeta.

  3. Ottimo Articolo!

Rispondi