Energie rinnovabili: parliamone!

Le energie rinnovabili sono sempre esistite solo che non hanno mai avuto la massa critica per diventare competitive con le energie fossili.

Questo è un problema di governi ma anche di opinione pubblica perché è l’opinione pubblica che costringe i governi a prendere coscienza che solo le energie rinnovabili possono sviluppare un’economia a beneficio di tutti, sia in termini economici che ambientali e quindi di qualità della vita.

Fino adesso le energie rinnovabili si sono mosse singolarmente: qualche governo, qualche produttore, qualche utilizzatore, si sono mossi in modo abbastanza individuale.

Per creare una “coscienza ecologica” bisogna muoversi in gruppo e in modo sinergico ma soprattutto essere ben documentati su ciò che c’è di veramente vero e utile e su ciò invece che è solo uno spot pubblicitario. Robur ha molto a cuore la diffusione dell’aspetto scientifico che può utilizzare in modo proficuo e razionale le energie rinnovabili.

Se ti sta a cuore diffondere una buona conoscenza delle tecnologie rinnovabili, la prima cosa che ti occorre è una buona documentazione seria e scientifica; la seconda cosa è parlarne, parlarne con competenza, con cognizione di causa e invitare, a tua volta, i tuoi uditori a parlarne fin quando si diffonde una seria ipotesi di energie rinnovabili.

5 pensieri su “Energie rinnovabili: parliamone!

  1. licia pavesio

    Vendo campi eolici prodotti in Albania a costi decisamente competitivi con tecnologia italiana. Ben nota e’ la tua sensibilita’ alle formedi energia alternative “pulite”..Approfitto di questa mia per mandarti un abbraccio e chiederti se pensi possa essere considerabile una forma di collaborazione. A presto! Licia Pavesio

    Replica
    1. Benito Guerra

      Ciao Licia, è con grande piacere che ricevo questo tuo messaggio.

      Benvenuta nel “club” di coloro che credono e investono in prodotti che rispettano l’ambiente.
      Il nostro impegno è stato, è e sarà sempre in questa direzione: parlare, parlare e ancora parlare di tecnologie già disponibili che aiutano ad abbattere i consumi energetici e che sono amiche dell’ambiente.

      Il problema, del quale ho anche parlato nel mio video, è che c’è tanta disinformazione e quella poca che c’è spesso è troppo generica e superficiale, a volte anche errata.

      Anche per questo motivo abbiamo creato questo blog e tante altre iniziative on-line e off-line per diffondere la sensibilità a questi temi e, perché no, la conoscenza di prodotti come i nostri che realizzano concretamente questa filosofia.

      Confido di averti al mio fianco in questa “crociata”.

      Replica
  2. Mauro Pinotti

    Ciao Benito,
    complimenti per la tua nuova, grande ed importante iniziativa.

    Premetto e concordo pienamente con te sul “problema” che:

    “c’è tanta disinformazione e quella poca che c’è spesso è troppo generica e superficiale, a volte anche errata (le energie rinnovabili si sono mosse singolarmente: qualche governo, qualche produttore, qualche utilizzatore”)”

    e sulla “possibile alternativa”:

    di “creare una “coscienza ecologica” bisogna muoversi in gruppo e in modo sinergico ma soprattutto essere ben documentati su ciò che c’è di veramente vero e utile e su ciò invece che è solo uno spot pubblicitario”.

    La domanda a questo punto viene spontanea:

    come fare ad informarsi in modo documentato, scientifico (e non “di parte”)?
    Esistono cioè, “fonti alternative ed attendibili” che ci puoi segnalare?

    Grazie. Un abbraccio,
    Mauro

    Replica
    1. Benito Guerra

      Buongiorno Mauro,
      innanzitutto grazie per il tuo supporto.

      Per rispondere alla tua domanda: sicuramente è utile e doveroso iniziare a documentarsi presso enti e associazioni “super partes”.
      Le prime che posso citarti, ma c’è solo l’imbarazzo della scelta, sono:
      http://efficienzaenergetica.acs.enea.it/
      http://europa.eu/pol/ener/index_it.htm
      http://www.agenziacasaclima.it

      Sicuramente il passo successivo sarà quello, comunque, di approdare anche ai siti dei costruttori: una panoramica sulle tecnologie esistenti è doverosa! Maggiore attenzione, però, va data a coloro che hanno certificato i loro prodotti presso enti terzi; noi, ad esempio, abbiamo fatto certificare i nostri sistemi E3 presso DVGW (vedi la certificazione) e presso VDE (vedi la certificazione), due prestigiosi enti tedeschi.

      Questi che ho brevemente esposto sono solo spunti. Ad oggi internet ci permette di reperire informazioni con una facilità estrema; è sufficiente utilizzare parole chiave come “efficienza energetica” o “risparmio energetico” o ancora “utilizzo razionale dell’energia” in un qualsiasi motore di ricerca per sapere cos’è disponibile e migliore per salvaguardare le risorse del nostro pianeta.

      Replica

Rispondi